Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Proseguendo la navigazione, si accetta il nostro utilizzo dei cookie ok
Per maggiori informazioni o negare il consenso, [LEGGERE QUI].

Pagina Facebook di Vivi Ravenna Pagina Twitter di Vivi Ravenna

Monumenti

BASILICA DI SAN VITALE
BASILICA DI SAN VITALE
CITTÀ: Ravenna (RA)
INDIRIZZO: Via Fiandrini Benedetto
DESCRIZIONE

Quando Ravenna era ancora sotto il dominio dei Goti, nel 526 il Vescovo Ecclesio con il finanziamento di 26.000 soldi d'oro, fornito da Giuliano Argentario, iniziò l'opera di costruzione della chiesa di San Vitale.
La costruzione fu ultimata nella primavera del 547, forse nel 548.
L'edificio, costruito con mattoni lunghi e sottili, detti "giulianei", è a forma di ottagono che all'esterno si presenta diviso in due corpi principali.
Quello mediano sporge in alto a protezione della cupola, mostrando chiaramente la sua semplice articolazione geometrica, mediante le lisce superfici dei suoi lati, al centro di ciascuno dei quali si apre un'ampia finestra arcuata.
Nella parte inferiore, invece, vi sono due ordini di finestre, separati da una piccola cornice a denti di sega, la quale già dall'esterno fa presagire l'interna divisione in due piani della galleria perimetrale.

Lungo ogni lato, alternandosi alle finestre, s'innalzano sino al tetto, due lesene completamente lisce, le quali, insieme con gli aggettanti contrafforti innalzati in corrispondenza di ciascun angolo, servono di rinforzo e contemporaneamente avvolgono una funzione di carattere decorativo.
A questa disposizione sfuggono però i due lati presso cui si sviluppa l'antico ingresso rettangolare "a forcipe", visibile dal secondo chiostro del vicino Museo Nazionale, nonchè il lato in cui si apre l'abside.
Quest'ultima, semiesagona, ha ai suoi lati due piccoli ambienti a forma di nicchia e due sacristie circolari.
Nella zona mediana vi sono otto pilastri slanciati in alto fino al metroneo, hanno il compito di sostenere la cupola, affrescata.
Questi affreschi sono eseguiti nel XVIII secolo da S.Barozzi, U.Gandolfi e G.Guarana.Il peso della copertura, in raporto con la sua mole, è leggero, infatti esercita una moderata pressione sui muri portanti; questo è possibile grazie ai piccoli tubi di terracotta a forma di siringa incastrati l'uno nell'altro.
Gli altri pilastri congiunti fra loro separano il vano centrale dell'ambulacro anulare.
La volta a crociera del presbiterio, rialzato, ha nella sommità una corona dove spicca il mistico Agnello.

S.Vitale è conosciuta ed apprezzata soprattutto per i suoi splendidi mosaici, tra questi l'antica corte di Bisanzio con L'Imperatore Giustiniano e L'Imperatrice Teodora.
La chiesa di San Vitale è posta vicino al Mausoleo di Galla Placidia.

COME RAGGIUNGERE BASILICA DI SAN VITALE

Vivi Ravenna - Gruppo Vivi Romagna - Elevel srl - P.IVA C.F. 02422490397 - Privacy Policy