Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Proseguendo la navigazione, si accetta il nostro utilizzo dei cookie ok
Per maggiori informazioni o negare il consenso, [LEGGERE QUI].

Pagina Facebook di Vivi Ravenna Pagina Twitter di Vivi Ravenna

Rubriche - MITI DA SFATARE

Miele
Miele

Le prime rudimentali arnie costruite dall'uomo risalgono al neolitico ( circa 7-8 mila anni fa ) e già tremila anni prima di Cristo troviamo in Egitto apicoltori che si spostano lungo il Nilo per seguire con le proprio arnie le fioriture delle piante.
Gli Egizi apprezzavano moltissimo il miele tanto da depositarlo anche nelle tombe dei Faraoni.
Dopo ben 4000 anni, infatti, quando i vasi di miele ermeticamente chiusi vennero aperti, si scoprì che il loro contenuto era ancora perfetto e che aveva conservato immutato nei millenni le sue caratteristiche organolettiche.

Nell'antico Egitto il miele era noto come medicina per i disturbi digestivi e come componente di diversi unguenti per piaghe e ferite.
Una delle fonti principali che ci documenta l'alta considerazione in cui era tenuto il miele nell'antichità è la Bibbia.
Presso gli Ebrei il miele fu popolare, lo stesso avvenne per i Sumeri, questo popolo ci ha tramandato addirittura ricette in cui l'elemento base è il miele.
La letteratura babilonese è molto ricca di citazioni sul miele, da cui sappiamo che esso era molto usato in medicina e in cucina. Nello stesso periodo, più ad Oriente, un altro popolo, gli Ittiti, ci ha tramandato in caratteri cunei formi incisi su tavolette d'argilla, notizie fondamentali sul miele.
In particolare, dobbiamo a loro il termine che, dopo rielaborazioni successive, ancora oggi usiamo per definire questo alimento; in ittito si parla per la prima volta di "melit".
Anche per i Greci il miele ebbe molta importanza, infatti ebbe anche una funzione religiosa fondamentale, stando alla leggenda che la considerava "cibo degli dei" e rappresentava quindi una delle offerte essenziali tributate agli dei.
I Romani addirittura avevano una tale considerazione per il miele che la sua richiesta eccedeva la produzione tanto che, da sempre, i Romani importarono il miele da Creta, Cipro, Spagna e Malta, il cui nome originale, Meilat, pare che significhi appunto terra del miele.

Dai Romani abbiamo copiato gli alveari di loro invenzione, che poco si discostano da quelli che usiamo attualmente.
Il miele è formato quasi esclusivamente da zuccheri ( dal 95 al 99% ), in maggior presenza fruttosio e glucosio, il suo apporto energetico è notevole: 320 calorie per 100gr.
In cucina il miele ha svariate possibilità di utilizzo, non si contano le ricette per i dolci, è anche largamente utilizzato come dolcificante nelle bevande. Le proprietà nutrizionali del miele sono dovute in gran parte all'alto contenuto di fruttosio tanto da avere il grande vantaggio di poter apportare all'organismo calorie prontamente disponibili, senza richiedere processi digestivi e senza apportare sostanze indigeribili o dannose.
Da questo deriva il suo valore sia per le persone sane che deperite o ammalate. Nell'alimentazione degli atleti è consigliabile subito prima, durante e anche dopo lo sforzo, per favorire il recupero.
Ma anche negli studenti o chi fa un lavoro di concetto ha una grande funzione, è noto infatti che il sistema nervoso può svolgere regolarmente le proprie funzioni solo se sufficientemente nutrito grazie a un costante apporto di glucosio con la circolazione sanguinea.

Per le stesse proprietà il miele è ancora più prezioso per le persone deperite ( anziani, inappetenti ) o malati.
Il miele quindi è un alimento per tutti!!

Attenzione, nelle persone che presentano problemi nel metabolismo degli zuccheri ( diabete ) non è consigliabile il suo utilizzo salvo sia il medico specialista ad inserirlo nella dieta.

Vi saluto e vi consiglio di assaporare il miele con formaggi, una vera squisitezza, io in particolare gradisco volentieri come dessert il formaggio squaquerone mischiato con il miele d'acacia e noci tritate.

MAIO

Altri articoli

  • Banane
    Le banane trovano origine nelle giungle del Sud Est asiatico. Si ritiene che vengano in particolare dalla penisola malese, perché è qui che si trova la maggior parte delle varietà. 2500 anni fa le banane si diffusero nella penisola indiana e li il grande condottiero Alessandro Magno le poté a…CONTINUA
  • Lattuga
    La lattuga, il cui nome deriva dal latino Lactuca, è un ortaggio di origini molto antiche e sembra provenga dal Medio Oriente. Sembra addirittura che in alcune tombe egizie vi siano state trovate raffigurazioni risalenti il 3000 avanti Cristo. Lo storico Plinio racconta che i legionari romani , qua…CONTINUA
  • Carciofo
    Il carciofo è stato introdotto in occidente dagli Arabi intorno al 1200. Infatti il suo nome deriva dall'arabo "Harsufa". E' una pianta erbacea perenne della famiglia delle Composite. Non è una specie spontanea, ma una modificazione del cardo selvatico. Il carciofo viene raccolto da novembre a …CONTINUA
  • Caffè
    La storia del caffè si perde nella "notte dei tempi ", tanto varia, sfuggente e antica è la sua origine. Il nome del caffè ricorda l'altopiano Kaffe in Africa, ricco di culture, ma incerto è se l'altopiano ha dato il nome alla pianta o viceversa. Pare che l'al…CONTINUA
  • Cioccolato
    Secondo i botanici, l'albero del cacao cresceva spontaneo già  4000 anni prima di Cristo nei bacini dell' Orinoco e del Rio dell'Amazzoni. I primi a coltivarlo furono probabilmente i Maya, che lo introdussero nello Yucatan durante le migrazioni del XVII secolo prima di Cristo. Dai Ma…CONTINUA
  • Uova
    Fin dalla preistoria, osservando la nascita di rettili e uccelli, l'uomo si accorse subito che dall'uovo nasceva la vita. La vita equivale ad energia e quindi vitalità e per analogia le antiche civiltà : egiziani, persiani, greci e romani conclusero che l'assunz…CONTINUA
  • Yogurt
    Le origini dello Yogurt sono antichissime, si pensa venisse usato già in età preistorica. Viene menzionato in molti testi sacri antichi e nella Bibbia come latte acido o fermentato. E' presente anche nei più antichi libri di ricette arabe dove veniva utilizzato nei vari tipi di piatti tradizion…CONTINUA
Vivi Ravenna - Gruppo Vivi Romagna - Elevel srl - P.IVA C.F. 02422490397 - Privacy Policy