Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Proseguendo la navigazione, si accetta il nostro utilizzo dei cookie ok
Per maggiori informazioni o negare il consenso, [LEGGERE QUI].

Pagina Facebook di Vivi Ravenna Pagina Twitter di Vivi Ravenna

Rubriche - MITI DA SFATARE

Caffè
Caffè

La storia del caffè si perde nella "notte dei tempi ", tanto varia, sfuggente e antica è la sua origine.
Il nome del caffè ricorda l'altopiano Kaffe in Africa, ricco di culture, ma incerto è se l'altopiano ha dato il nome alla pianta o viceversa.
Pare che l'altopiano abissino abbia ricevuto questo nome quando ormai il caffè era già noto in tutto il mondo e il termine caffè deriverebbe dal turco Kahve, a sua volta proveniente dall'arabo Qahwa, che vuol dire vino o bevanda eccitante.
Pochi avvenimenti nella storia sono conditi di leggende come il caffè.
E' infatti difficile districarsi tra racconti storici e fiabe di suggestive leggende. Nella Bibbia, David porta come dono di conciliazione "dei grani abbrustoliti", si presume chicchi di caffè.
E' ancora caffè la bevanda amara che Elena aggiunge al vino per asciugare le lacrime degli ospiti della mensa di Menelao, definita da Omero utile "contro i dispiaceri, i rancori e la memoria dei dolori".
Non meno avvincente è la leggenda, proveniente dal Monastero Chehodat nello Yemen, secondo la quale uno dei monaci, avendo saputo da un pastore di nome Kaldi che le sue capre e i suoi cammelli si mantenevano "vivaci" anche di notte se mangiavano certe bacche, preparò con queste una bevanda nell'intento di restare sveglio per poter pregare più a lungo. E' sempre una tazzina di caffè bollente ciò che l'Arcangelo Gabriele offrì a Maometto colpito improvvisamente dalla malattia del sonno.
La pozione nera mandatogli da Allah gli permetterà non solo di recuperare subito forza e salute, ma di essere in grado in breve tempo di "disarcionare quaranta cavalieri e di soddisfare altrettante donne".

Maggior valenza storica la si può rintracciare a partire dal XIV secolo, epoca in cui si hanno notizie della lenta ma progressiva invasione del caffè in Arabia, Egitto, Siria, Turchia.
Ebbe immediatamente un largo favore tra le popolazioni e da questo momento si ebbero le prime testimonianze scientifiche sulla bontà del caffè e sulle sue capacità terapeutiche.
Avicenna, grande medico arabo, come il suo collega Rhazes, lo prescrivevano come medicamento.
A partire dal XVI secolo alcuni grossi imprenditori cominciarono ad introdurre il caffè anche in occidente; grosse partite di caffè affluiscono soprattutto ai porti di Alessandria e di Smirne.
Tuttavia, di fronte alla crescente richiesta e date le spese e le forti tasse che gravavano enormemente sui prezzi, si cominciò a pensare di trapiantare il caffè anche in altre parti del mondo. Così gli olandesi impiantarono estese coltivazioni a Giava, i francesi in Martenica e nelle Antille e, successivamente, gli inglesi, gli spagnoli e i portoghesi in Africa, Asia e America. In India pare sia arrivato grazie ad un pellegrino che, recatosi alla Mecca, trafugò sette semi di caffè.

Dal punto di vista analitico un chicco di caffè contiene innumerevoli sostanze: minerali, grassi, oligosaccaridi e vitamine, ma il componente più noto è la caffeina, un alcaloide attivo, ossia le 1,3,7-trimetilxantina, presenti anche nel te, nel cacao e nelle cola. Ogni tazzina ne contiene mediamente da 50 a 120mg a seconda delle miscele e del metodo di preparazione.
La media è comunque di 80mg. Nel caffè sono presenti numerose sostanze utili al nostro organismo tra cui potassio, magnesio, cromo, ecc. e l'apporto calorico è veramente minimo; una tazzina di caffè contiene infatti solamente 2 calorie.
La caffeina agisce sul sistema nervoso centrale producendo una stimolazione che favorisce il lavoro fisico ed intellettuale, stimola i centri respiratori, cardiovascolari, digestivi e aumenta la diuresi favorendo l'eliminazione delle tossine.
Il caffè è sconsigliato a coloro che soffrono di particolari malattie o si trovano in condizioni di stress estremo.
Anche per il caffè vale l'antica regola che non vieta l'uso di qualcosa, bensì il suo abuso.

Sulla caffeina ci sono alcuni miti da sfatare soprattutto per una cattiva informazione: l'espresso ristretto, ad esempio, è forse il caffè più leggero, poiché la percentuale di caffeina è legata alla quantità di caffè che si beve e alla durata del contatto acqua/polvere di caffè: 15-20 secondi per l'espresso, 1 minuto per quello preparato con la moka, 5 minuti per il filtrato che viene servito in tazze da 150/190ml , mentre la tazzina dell'espresso non supera i 35ml.

Vi saluto sperando che il tempo "perso" nella lettura di questo articolo vi faccia gustare la prossima tazzina di caffè con la consapevolezza di quanta storia e quante proprietà ci siano dietro a quel piccolo gesto che ci accompagna quotidianamente all'inizio della giornata…

Altri articoli

  • Banane
    Le banane trovano origine nelle giungle del Sud Est asiatico. Si ritiene che vengano in particolare dalla penisola malese, perché è qui che si trova la maggior parte delle varietà. 2500 anni fa le banane si diffusero nella penisola indiana e li il grande condottiero Alessandro Magno le poté a…CONTINUA
  • Lattuga
    La lattuga, il cui nome deriva dal latino Lactuca, è un ortaggio di origini molto antiche e sembra provenga dal Medio Oriente. Sembra addirittura che in alcune tombe egizie vi siano state trovate raffigurazioni risalenti il 3000 avanti Cristo. Lo storico Plinio racconta che i legionari romani , qua…CONTINUA
  • Carciofo
    Il carciofo è stato introdotto in occidente dagli Arabi intorno al 1200. Infatti il suo nome deriva dall'arabo "Harsufa". E' una pianta erbacea perenne della famiglia delle Composite. Non è una specie spontanea, ma una modificazione del cardo selvatico. Il carciofo viene raccolto da novembre a …CONTINUA
  • Miele
    Le prime rudimentali arnie costruite dall'uomo risalgono al neolitico ( circa 7-8 mila anni fa ) e già tremila anni prima di Cristo troviamo in Egitto apicoltori che si spostano lungo il Nilo per seguire con le proprio arnie le fioriture delle piante. Gli Egizi a…CONTINUA
  • Cioccolato
    Secondo i botanici, l'albero del cacao cresceva spontaneo già  4000 anni prima di Cristo nei bacini dell' Orinoco e del Rio dell'Amazzoni. I primi a coltivarlo furono probabilmente i Maya, che lo introdussero nello Yucatan durante le migrazioni del XVII secolo prima di Cristo. Dai Ma…CONTINUA
  • Uova
    Fin dalla preistoria, osservando la nascita di rettili e uccelli, l'uomo si accorse subito che dall'uovo nasceva la vita. La vita equivale ad energia e quindi vitalità e per analogia le antiche civiltà : egiziani, persiani, greci e romani conclusero che l'assunz…CONTINUA
  • Yogurt
    Le origini dello Yogurt sono antichissime, si pensa venisse usato già in età preistorica. Viene menzionato in molti testi sacri antichi e nella Bibbia come latte acido o fermentato. E' presente anche nei più antichi libri di ricette arabe dove veniva utilizzato nei vari tipi di piatti tradizion…CONTINUA
Vivi Ravenna - Gruppo Vivi Romagna - Elevel srl - P.IVA C.F. 02422490397 - Privacy Policy